E-mail Stampa PDF

L'Arte di Rappresentare i Mondi

G. CASSINI, 1790

L'Isola di Sicilia divisa nelle sue Valli

Incisione su carta cotone acquerellata a mano e montata su tela grezza "a stacchi"

Formato cm. 97x72 - REG 78/A

Formato cm. 47x35 - REG 78

CANTELLI

Veduta del Regno di Napoli

Incisione su carta cotone acquerellata a mano e montata su tela grezza "a stacchi"

Formato cm. 55x45 - VED 65

DOMENICO DE ROSSI, 1700

Provincia di Calabria Citra

Rappresentare graficamente la conformazione della superficie della Terra è sicuramente stata una delle prime esigenze che l'uomo ha dovuto soddisfare, anche se, inizialmente, le scarse conoscenze geografiche, i limiti imposti dalle nozioni matem­atiche e geometriche, l'assenza di validi strumenti di misura, la rudimentalità delle espressioni grafiche abbiano reso estrema­mente difficile quest'operazione. I primi tentativi di costruzione di mappe, precorrendo addirittura l'uso della scrittura, altro non erano che schematiche rappresentazioni di particolari plani­metrici idonei a far riconoscere e quindi ritrovare un itinerario già percorso o una rotta marittima, ma la necessità di muoversi in spazi più vasti stimolò enormemente la creazione di descrizioni sempre più espressive, obbligando l'uomo a ricor­rere a mezzi di misura e rappresentazione più stabili, sicuri e precisi. Da limitate piccole superfici, è passato a considerare territori sempre più estesi, sino all'insieme di tutte le zone conosciute della Terra, indagando sulla forma e dimensione di questa e studiando le leggi dell'Universo, alle quali molti fenomeni terrestri parevano legati.

Solo nei secoli che segnarono il trionfo della Rinascenza (XV­XVIII sec.) l'astronomia, la geografia e la cartografia riacquis­tarono quel carattere di universalità che mancò alla scienza degli antichi Romani e che era andato perduto nella decadenza medio­evale. Questi secoli hanno visto la nascita di numerosi atelier cartografici, impegnati febbrilmente nella costruzione di nuove carte o all'aggiornamento di quelle vecchie, grazie alle nuove conoscenze geografiche dovute ai viaggi effettuati dai naviga­tori.

Insieme ad altre dinastie di cartografi come gli Hondius, i Blaew, i Jannson, i Ficher, contribuì in modo rilevante alla conoscenza ed al successo della cartografia. La carta qui ripro­posta, raffigurante il territorio calabrese, è una valida prova della sua capacità espressiva, capace di coniugare una raffinata espressione delle forme con un ricco contenuto informativo.

Per la sua costruzione sono stati utilizzati gli stessi materiali e le stesse tecniche dell'epoca, con l'intento di riuscire, sia pure parzialmente, a suscitare le stesse sensazioni che si provano nel­l'osservare una carta antica. Sono note le difficoltà che gli incisori dei secoli passati incontravano nella preparazione delle matrici col metodo dell'incisione. I tempi d'esecuzione erano lunghissimi ed il lavoro eseguito non suscettibile di correzioni, a tal punto che non è difficile trovare nelle carte qualche errore. Inoltre il numero di copie che era possibile realizzare era limi­tato, poiché le lastre di legno prima e di rame poi, sottoposte al ripetuto schiacciamento del torchio, tendevano a deteriorarsi rapidamente. Il supporto su cui viene trasferita l'immagine è costituito da carta cotonata di conveniente grammatura, reperito presso un'antica cartiera, già operante quando quest'opera vede­va la luce per la prima volta. Al fine di ricreare quel fascino che le opere del passato sanno infondere, i fogli subiscono, manual­mente e singolarmente un processo d'invecchiamento a base di sostanze rigorosamente vegetali. Tale operazione, inoltre, con­tribuisce a differenziare ciascuna carta dalle altre. Segue l'oper­azione d'ancoraggio della carta su tela, anch'essa in puro cotone grezzo, che subisce, al pari del supporto cartaceo, una sapiente opera d'invecchiamento. L'eventuale coloritura all'acquerello aggiunge alla mappa quella visione policroma che ha come effetto quello di renderla ancora più bella.

Incisione su carta cotone acquerellata a mano e montata su tela grezza "a stacchi"

Formato cm. 106x86 - REG 70

F. CASSIANUS de SILVA

Calabria Ultra

Rappresentare graficamente la conformazione della superficie della Terra è sicuramente stata una delle prime esigenze che l'uomo ha dovuto soddisfare, anche se, inizialmente, le scarse conoscenze geografiche, i limiti imposti dalle nozioni matem­atiche e geometriche, l'assenza di validi strumenti di misura, la rudimentalità delle espressioni grafiche abbiano reso estrema­mente difficile quest'operazione. I primi tentativi di costruzione di mappe, precorrendo addirittura l'uso della scrittura, altro non erano che schematiche rappresentazioni di particolari plani­metrici idonei a far riconoscere e quindi ritrovare un itinerario già percorso o una rotta marittima, ma la necessità di muoversi in spazi più vasti stimolò enormemente la creazione di descrizioni sempre più espressive, obbligando l'uomo a ricor­rere a mezzi di misura e rappresentazione più stabili, sicuri e precisi. Da limitate piccole superfici, è passato a considerare territori sempre più estesi, sino all'insieme di tutte le zone conosciute della Terra, indagando sulla forma e dimensione di questa e studiando le leggi dell'Universo, alle quali molti fenomeni terrestri parevano legati.

Solo nei secoli che segnarono il trionfo della Rinascenza (XV­XVIII sec.) l'astronomia, la geografia e la cartografia riacquis­tarono quel carattere di universalità che mancò alla scienza degli antichi Romani e che era andato perduto nella decadenza medio­evale. Questi secoli hanno visto la nascita di numerosi atelier cartografici, impegnati febbrilmente nella costruzione di nuove carte o all'aggiornamento di quelle vecchie, grazie alle nuove conoscenze geografiche dovute ai viaggi effettuati dai naviga­tori.

Questa Calabria Ultra qui riproposta venne realizzata da Cassianus de Silva nel 1700 ed è dedicata al principe di Butera Roccella, Don Carlo Maria Carafa.

Per la sua costruzione sono stati utilizzati gli stessi materiali dell'epoca, con l'intento di riuscire, sia pure parzialmente, a sus­citare le stesse sensazioni che si provano nell'osservare una carta antica. Sono note le difficoltà che gli incisori dei secoli passati incontravano nella preparazione delle matrici col meto­do dell'incisione. I tempi d'esecuzione erano lunghissimi ed il lavoro eseguito non suscettibile di correzioni, a tal punto che non è difficile trovare nelle carte qualche errore. Inoltre il numero di copie che era possibile realizzare era limitato, poiché le lastre di legno prima e di rame poi, sottoposte al ripetuto schi­acciamento del torchio, tendevano a deteriorarsi rapidamente. Il supporto su cui viene trasferita l'immagine è costituito da carta cotonata di conveniente grammatura, reperito presso un'antica cartiera, già operante quando quest'opera vedeva la luce per la prima volta. Al fine di ricreare quel fascino che le opere del pas­sato sanno infondere, i fogli subiscono, manualmente e singo­larmente un processo d'invecchiamento a base di sostanze rig­orosamente vegetali. Tale operazione, inoltre, contribuisce a differenziare ciascuna carta dalle altre. Segue l'operazione d'an­coraggio della carta su tela, anch'essa in puro cotone grezzo, che subisce, al pari del supporto cartaceo, una sapiente opera d'in­vecchiamento. L'eventuale coloritura all'acquerello aggiunge alla mappa quella visione policroma che ha come effetto quello di renderla ancora più bella


Incisione su carta cotone acquerellata a mano e montata su tela grezza "a stacchi"

Formato cm. 105x74 - REG 71

BLAEU

Calabria Ultra

Stampa su carta cotone acquarellata a mano, cm.50x70

VED 31

JANSONIUS, 1630

Sicilia



Stampa su carta cotone acquarellata a mano, cm. 50x70

VED 32

BLAEU, 1700

Abruzzo Ultra

Rappresentare graficamente la conformazione della superficie della Terra è sicuramente stata una delle prime esigenze che l'uomo ha dovuto soddisfare, anche se, inizialmente, le scarse conoscenze geografiche, i limiti imposti dalle nozioni matematiche e geometriche, l'assenza di validi strumenti di misura, la rudimentalità delle espressioni grafiche hanno reso estremamente difficile quest'operazione. I primi tentativi di costruzione di mappe, precorrendo addirittura l'uso della scrittura, altro non erano che schematiche rappresentazioni di particolari planimetrici idonei a far riconoscere e quindi ritrovare un itinerario già percorso o una rotta marittima, ma la necessità di muoversi in spazi più vasti stimolò enormemente la creazione di descrizioni sempre più espressive, obbligando l'uomo a ricorrere a mezzi di misura e rappresentazione più stabili, sicuri e precisi. Da limitate piccole superfici, è passato a considerare territori sempre più estesi, sino all'insieme di tutte le zone conosciute della Terra, indagando sulla forma e dimensione di questa e studiando le leggi dell'Universo, alle quali molti fenomeni terrestri parevano legati.

Solo nei secoli che segnarono il trionfo della Rinascenza (XV-XVIII sec.) l'astronomia, la geografia e la cartografia riacquistarono quel carattere di universalità che mancò alla scienza degli antichi Romani e che era andato perduto nella decadenza medioevale. Questi secoli hanno visto la nascita di numerosi atelier cartografici, impegnati febbrilmente alla costruzione di nuove carte o all'aggiornamento di quelle vecchie, grazie alle nuove conoscenze geografiche dovute ai viaggi effettuati dai navigatori.

E' nel XVIII secolo che si svolgeva l'attività di una famosa famiglia di cartografi, i Blaeu, nota per produzioni di notevole livello.

Insieme ad altre dinastie di cartografi come gli Hondius, i Jannson, i Ficher, contribuì in modo rilevante alla conoscenza ed al successo della cartografia.

La carta qui riproposta, raffigurante il territorio dell'Abruzzo Ultra, dedicata al Duca Giovanni Geronimo Acquaviva d’Aragona, è una valida prova delle doti espressive di questo geografo, capace di coniugare una raffinata espressione delle forme con un ricco contenuto informativo.

Per la sua costruzione sono stati utilizzati gli stessi materiali dell'epoca, con l'intento di suscitare le stesse sensazioni che si provano nell'osservare una carta antica. Il supporto su cui viene trasferita l'immagine è costituito da carta cotonata di conveniente grammatura, reperito presso un'antica cartiera, già operante quando quest'opera vedeva la luce per la prima volta. Al fine di ricreare quel fascino che le opere del passato sanno infondere, i fogli subiscono, manualmente e singolarmente un processo d'invecchiamento a base di sostanze rigorosamente vegetali. Tale operazione, inoltre, contribuisce a differenziare ciascuna carta dalle altre. Segue l'operazione d'ancoraggio della carta su tela, anch'essa in puro cotone grezzo, che subisce, al pari del supporto cartaceo, una sapiente opera d'invecchiamento. L'eventuale coloritura all'acquerello aggiunge alla mappa quella visione policroma che ha come effetto quello di renderla ancora più bella.

Incisione su carta cotone acquerellata a mano e montata su tela grezza "a stacchi"
Formato cm. 112x78 - REG 73

BLAEU, 1700

Provincia Abruzzo Citra

Rappresentare graficamente la conformazione della superficie della Terra è sicuramente stata una delle prime esigenze che l'uomo ha dovuto soddisfare, anche se, inizialmente, le scarse conoscenze geografiche, i limiti imposti dalle nozioni matematiche e geometriche, l'assenza di validi strumenti di misura, la rudimentalità delle espressioni grafiche hanno reso estremamente difficile quest'operazione. I primi tentativi di costruzione di mappe, precorrendo addirittura l'uso della scrittura, altro non erano che schematiche rappresentazioni di particolari planimetrici idonei a far riconoscere e quindi ritrovare un itinerario già percorso o una rotta marittima, ma la necessità di muoversi in spazi più vasti stimolò enormemente la creazione di descrizioni sempre più espressive, obbligando l'uomo a ricorrere a mezzi di misura e rappresentazione più stabili, sicuri e precisi. Da limitate piccole superfici, è passato a considerare territori sempre più estesi, sino all'insieme di tutte le zone conosciute della Terra, indagando sulla forma e dimensione di questa e studiando le leggi dell'Universo, alle quali molti fenomeni terrestri parevano legati.

Solo nei secoli che segnarono il trionfo della Rinascenza (XV-XVIII sec.) l'astronomia, la geografia e la cartografia riacquistarono quel carattere di universalità che mancò alla scienza degli antichi Romani e che era andato perduto nella decadenza medioevale. Questi secoli hanno visto la nascita di numerosi atelier cartografici, impegnati febbrilmente alla costruzione di nuove carte o all'aggiornamento di quelle vecchie, grazie alle nuove conoscenze geografiche dovute ai viaggi effettuati dai navigatori.

E' nel XVIII secolo che si svolgeva l'attività di una famosa famiglia di cartografi, i Blaeu, nota per produzioni di notevole livello.

Insieme ad altre dinastie di cartografi come gli Hondius, i Jannson, i Ficher, contribuì in modo rilevante alla conoscenza ed al successo della cartografia.

La carta qui riproposta, raffigurante il territorio dell'Abruzzo Citra, dedicata al Principe Carmine Nicolò Caracciolo Duca di Castel di Sangro, è una valida prova delle doti espressive di questo geografo, capace di coniugare una raffinata espressione delle forme con un ricco contenuto informativo.
Per la sua costruzione sono stati utilizzati gli stessi materiali dell'epoca, con l'intento di suscitare le stesse sensazioni che si provano nell'osservare una carta antica. Il supporto su cui viene trasferita l'immagine è costituito da carta cotonata di conveniente grammatura, reperito presso un'antica cartiera, già operante quando quest'opera vedeva la luce per la prima volta. Al fine di ricreare quel fascino che le opere del passato sanno infondere, i fogli subiscono, manualmente e singolarmente un processo d'invecchiamento a base di sostanze rigorosamente vegetali. Tale operazione, inoltre, contribuisce a differenziare ciascuna carta dalle altre. Segue l'operazione d'ancoraggio della carta su tela, anch'essa in puro cotone grezzo, che subisce, al pari del supporto cartaceo, una sapiente opera d'invecchiamento. L'eventuale coloritura all'acquerello aggiunge alla mappa quella visione policroma che ha come effetto quello di renderla ancora più bella.


 

Incisione su carta cotone acquerellata a mano e montata su tela grezza "a stacchi"
Formato cm. 112x78 - REG 72


BLAEU, 1700

Terra di Otranto olim Salentina et Iapigia


Incisione su carta cotone acquerellata a mano e montata su tela grezza "a stacchi"
Formato cm. 112x78 - REG 73


Rappresentare graficamente la conformazione della superficie della Terra è sicuramente stata una delle prime esigenze che l'uomo ha dovuto soddisfare, anche se, inizialmente, le scarse conoscenze geografiche, i limiti imposti dalle nozioni matematiche e geometriche, l'assenza di validi strumenti di misura, la rudimentalità delle espressioni grafiche hanno reso estremamente difficile quest'operazione. I primi tentativi di costruzione di mappe, precorrendo addirittura l'uso della scrittura, altro non erano che schematiche rappresentazioni di particolari planimetrici idonei a far riconoscere e quindi ritrovare un itinerario già percorso o una rotta marittima, ma la necessità di muoversi in spazi più vasti stimolò enormemente la creazione di descrizioni sempre più espressive, obbligando l'uomo a ricorrere a mezzi di misura e rappresentazione più stabili, sicuri e precisi. Da limitate piccole superfici, è passato a considerare territori sempre più estesi, sino all'insieme di tutte le zone conosciute della Terra, indagando sulla forma e dimensione di questa e studiando le leggi dell'Universo, alle quali molti fenomeni terrestri parevano legati.

Solo nei secoli che segnarono il trionfo della Rinascenza (XV-XVIII sec.) l'astronomia, la geografia e la cartografia riacquistarono quel carattere di universalità che mancò alla scienza degli antichi Romani e che era andato perduto nella decadenza medioevale. Questi secoli hanno visto la nascita di numerosi atelier cartografici, impegnati febbrilmente alla costruzione di nuove carte o all'aggiornamento di quelle vecchie, grazie alle nuove conoscenze geografiche dovute ai viaggi effettuati dai navigatori.

E' nel XVIII secolo che si svolgeva l'attività di una famosa famiglia di cartografi, i Blaeu, nota per produzioni di notevole livello.

Insieme ad altre dinastie di cartografi come gli Hondius, i Jannson, i Ficher, contribuì in modo rilevante alla conoscenza ed al successo della cartografia.

La carta qui riproposta, raffigurante il territorio della terra salentina,è una valida prova delle doti espressive di questo geografo, capace di coniugare una raffinata espressione delle forme con un ricco contenuto informativo.
Per la sua costruzione sono stati utilizzati gli stessi materiali dell'epoca, con l'intento di suscitare le stesse sensazioni che si provano nell'osservare una carta antica. Il supporto su cui viene trasferita l'immagine è costituito da carta cotonata di conveniente grammatura, reperito presso un'antica cartiera, già operante quando quest'opera vedeva la luce per la prima volta. Al fine di ricreare quel fascino che le opere del passato sanno infondere, i fogli subiscono, manualmente e singolarmente un processo d'invecchiamento a base di sostanze rigorosamente vegetali. Tale operazione, inoltre, contribuisce a differenziare ciascuna carta dalle altre. Segue l'operazione d'ancoraggio della carta su tela, anch'essa in puro cotone grezzo, che subisce, al pari del supporto cartaceo, una sapiente opera d'invecchiamento. L'eventuale coloritura all'acquerello aggiunge alla mappa quella visione policroma che ha come effetto quello di renderla ancora più bella.

Prenota subito gli ultimi esemplari rimasti


Ultimo aggiornamento Venerdì 25 Marzo 2016 13:09